Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Lavit di E.Layousse a Rubano

Piacevole appendice al Vinitaly, la scoperta di questo ristorante, a Rubano di Padova, dove Eliane Layousse propone una stuzzicante cucina, prevalentemente di pesce, di chiara vocazione mediterranea. Ambiente molto accogliente, servizio cortese e rapido, carta ricca di suggestioni. Materie prime di esemplare freschezza, preparazioni di buon equilibrio e piacevole estetica, con alcune  tracce delle origini medio-orientali di Layousse.

Solo per citare qualche piatto (menu e carta dei vini sono online, sul sito del ristorante), tra quelli assaggiati :capesante su zuppetta di canocchie, ricci di mare e croccante alle alghe; scampi dorati alla frutta secca su passata di ceci al cardamomo, tabulé con burrata di Putignano tra gli antipasti, e poi baccalando, tonno!tonno!! tonno!!!, filetto di pesce del giorno al forno in crosta di olive e pistacchio su purea di cicerchie e polvere di summako. Esemplare la carta dei vini. Una chicca la carta degli spumanti e degli champagnes: tutti i migliori trentini, di Franciacorta e dell’Oltrepo’, champagnes delle grandi marche (Philipponnat, Bollinger, Krug, Deutz, Laurent Perrier, Roederer) e di straordinarie piccole maison (Henri Giraud, Larmandier Bernier, Leclapart, Aubry, Duval Leroy, Georges Laval, André Beaufort, Goutorbe, continua continua).

Nella carta dei bianchi, oltre ai migliori di Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli, valide rappresentanze delle altre regioni (ci ha fatto piacere di vedere in lista i Fiano campani di Pietracupa, Maffini e Colli di Lapio), qualche buon bianco borgognone , del Maconnais (Bouzeron, Cordier, Clavaillon), alsaziani (Giglinger, Zind Humbrecht, Ernest Mochel…), i migliori della Loira (Didier Daguenau, Vacheron, Cotat, Alphonse Mellot). Bella anche la carta dei rossi, con tutti i migliori di Piemonte, Veneto, Alto Adige e Toscana; ovviamente meno poderosa la scelta di vini esteri, ma come non citare il Clos Rougeard di Saumur-Champigny, i borgognoni di Trapet e De Vogue ; Bordeaux è presente con Montrose, Figeac, Haut.Batailley, Trottevieillle.

Ho  visitato la cantina, spaziosa e razionale. Layousse ama selezionare personalmente i suoi vini, e di fatti, oltre ai nomi più noti, si trovano bottiglie di piccoli produttori di qualità, che gli sono piaciuti e che propone in scoperta ai suoi clienti. Un posto nel quale ritornare.

Ristorante Lavit, via della Provvidenza, n.4, Rubano (PD), tel.: 049630464. http://www.vittoria-hotel.it

 (Pubblicato il 6.4.2012)

Invia un commento a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.




 Privacy Policy