Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Favoloso Suduiraut

Chateau Suduiraut , con i suoi 90 ettari vitati (90% Sémillon e 10% Sauvignon), è dal 1992 di proprietà AXA Millésimes, il braccio vitivinicolo della nota società di assicurazioni. E’ uno degli 11 premier cru di Sauternes (Yquem, come è noto, è l’unico premier cru supérieur) della classificazione 1855.

Si tratta di una delle più belle proprietà di Bordeaux, con una magnifica costruzione settecentesca, circondata da splendidi giardini, progettata da André Le Nôtre, già responsabile dei giardini del re a Versailles e alle Tuileries.

Ottomila casse annue: stabilmente tra i migliori , sicuramente tra i primi quattro-cinque , e secondo forse solo a Yquem e Climens, specie nelle ultime annate, ha inanellato una serie di vendemmie molto positive. Il terroir da cui proviene, quello di Preignac, gli conferisce un fruttato paragonabile a quello dei migliori Barsac.

Qui parleremo di tre annate, due generalmente considerate molto positive (la 1999 e la 2003) e la terza considerata in modo controverso , un’annata povera secondo alcuni , la 1996 (86/100 per Parker e 89/100 per Tanzer).

Partiamo da quest’ultima annata, che abbiamo appena riassaggiato.

Suduiraut96La bottiglia, in splendida forma nonostante i suoi 15 anni, si propone ancora giovane, con un colore giallo oro non troppo carico. La botrytis appare subito evidente, con note eleganti lievemente fumé, che rendono più complesso un bouquet agrumato, con sentori iodati, di scorza di arancia e, lievi, di zafferano. In bocca è ricco, sapido e lungamente persistente. Lo abbiamo bevuto inizialmente un po’ fresco, data la temperatura estiva, a 12°; poi, man mano che questa saliva sui 14-15° le sensazioni olfattive diventavano sempre più intense. Un ottimo Sauternes, valutato da WOW 92/100.

Molto buono e completo anche il 1999, grasso e cremoso, dolce, ma tutt’altro che stucchevole, con note leggere di miele e di frutta candita, equilibrato di alcool e acidità. Botrytis ben avvertibile, ma non coprente, con sfumature lievemente grigliate. Un tipico Sauternes di Preignac , che vale oggi 92/100.

Sontuoso il 2003. Un Sauternes di grande spessore ed eleganza. Ricco, profondo, di grande armonia e freschezza, mostra tutta la palette olfattiva dei grandi Sauternes, con albicocca, scorza d’arancia candita e miele di acacia in evidenza, e note speziate- soprattutto zafferano- di grande eleganza. Lunghissimo: 95/100 (Pubblicato il 28.8.2011)

 

Invia un commento a : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo..




 Privacy Policy