Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Nuits-Saint-Georges Aux Murgers premier cru

Di Nuits-Saint-Georges e dei suoi cru abbiamo parlato più volte in questo blog. Come è noto, questa operosa cittadina, che contende a Beaune il ruolo di capitale del commercio dei vini borgognoni , con i suoi négociants, le sue tonnelleries, le sue banche , è l’unica della Côte de Nuits a non possedere alcun grand cru, ma solo dei premier cru.

Les MurgersEppure la qualità non manca, e non è raro che, nelle degustazioni cieche, i vini di Nuits possano prevalere confrontandosi con vini più titolati di Vosne-Romanée, Échezeaux o Chambolle-Musigny. Ci sono buone possibilità che tra non molto tempo anche Nuits-Saint-Georges ottenga  finalmente  il suo primo grand cru. Parlo di Les Saint-Georges, quello che del resto ha dato il nome alla cittadina, e il cui prestigio è ben noto ai conoscitori. Un tempo era considerata una tête de cuvée, al livello di Romanée, Richebourg e la Tâche.Per intanto Nuits-Saint-Georges assomma  una quarantina di premier cru, in grande maggioranza nel comune omonimo, e la restante parte nel vicino comune di Prémeaux, compreso nella stessa appellation. 

Abbiamo già avuto modo di parlare di alcuni dei premier cru di entrambi i comuni, come  Les Damodes, Les Pruliers (a Nuits-Saint-Georges) , e i due monopole Clos de la Maréchale  e Aux Perdrix (a Prémeaux). Questa volta assaggiamo un altro premier cru di Nuits, Aux Murgers, di 4, 89 ettari di estensione, situato nella parte più settentrionale, alla destra del Meuzin, a est di Les Damodes, che, con Aux Boudots,  confina  e quasi si confonde con Vosne-Romanée.Aux Murgers si trova, con Cras e Richemone, allo stesso livello del pendio di Aux Boudots: il loro suolo è abbastanza simile, caratterizzato dalle rocce calcaree rosa di Comblanchien, più ghiaioso a Murgers .

Il vino di cui parliamo oggi è un Nuits-Saint-Georges premier cru , proveniente dal cru Aux Murgers,della vendemmia 2009, un’annata  eccellente, pur se priva della potenza del 2005, ma che ha il vantaggio di poter essere apprezzata prima, pur avendo la capacità di resistere a molti anni. Lo produce un Domaine, di cui a mio giudizio si parla troppo poco, che, dopo una fase di appannamento, sta inanellando una serie molto positiva di millesimi, ed è nel gruppo di quelli più interessanti della Cote de Nuits: il Domaine Hudelot-Noellat. Questo magnifico Domaine si trova a Chambolle-Musigny, e possiede una serie di belle parcelle in quel comune , anche  a Vougeot e a Vosne-Romanée (Les Beaumonts, Les Suchots e Les Malconsorts), per non parlare di quelle, assai  preziose,    di Richebourg (o.28 ha.)  e Romanée-Saint-Vivant (0.48 ha.).  Esso  assomma le proprietà di Alain Hudelot, tra cui le parcelle di Clos Vougeot del padre, e  quelle rivenute dalla moglie,nipote di Charles Noëllat. Dal 2008  , a occuparsene, è  Charles Van Canneyt, nipote di Alain, assistito da Vincent Mugnier.

Questo Aux Murgers 2009 è un Nuits-Saint-Georges di grande finezza, che ricorda un po’ un vino di Vosne-Romanée  (in effetti molto vicina, trattandosi di un cru della parte più settentrionale  di Nuits, quasi a ridosso di Vosne-Romanée). Bel colore,  molto Pinot, all’olfatto dà frutti  rossi di bosco, note di fiori secchi, di terra e , lievi, di tartufo, sul palato è ampio, di notevole morbidezza e ottima concentrazione e persistenza Vale 93 punti.

(Pubblicato il 28.10.2013)




 Privacy Policy