Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Riviste: Spirito di Vino nn. 51 e 52

Spirito di Vino, anno IX, n. 51, agosto-settembre 2012, € 6.00

Spv51Tutt’altro che un numero “estivo” questo di SdV. Il cuore di questo n. 51 è dedicato ai Rosé, in grande recupero di immagine e più che mai in auge con l’arrivo del caldo estivo.Rosé di Provenza (come dire la capitale mondiale dei vini rosé) contro il “resto del mondo”, una selezione di 22 vini provenienti dall’Italia e dalle altre regioni della Francia, con alcuni altri paesi europei.

Ed è proprio uno di questi , un rosé della Bairrada portoghese, quello che è stato preferito nella degustazione (92 punti). A seguire un Sancerre rosé, poi un Tavel; primo degli italiani un Bardolino Chiaretto.Nello stesso fascicolo altre degustazioni interessanti:la prima, anche per importanza, una degustazione , firmata da Gianluca Mazzella, di Trockenbeerenauslese ( i più dolci dei vini del Reno) di annate vecchissime (dal 1921 al 1959), più quelli dell’annata 2010. 99 punti su 100 per un Bernkasteler Doctor del 1921 e per uno straordinario 1949 di Joseph Prűm.Poi una verticale di Brunello di Montalcino del cru Montosoli di Altesino: dal 1975, che ha anche ottenuto il punteggio più alto (96 punti), insieme con il 1997 e il 2006, al 2007; una straordinaria degustazione di grandi annate di champagnes di Veuve Clicquot , “costruita” attorno ad una delle famose bottiglie , stimate intorno al 1839, ripescate nel Baltico a 55 metri di profondità. E ancora: voti davvero strabilianti per un incredibile Malbec argentino , di Achaval Ferre, da vigne ultracentenarie sulla precordillera andina di una tenuta nata solo nel 1998 da Santiago Achaval con la collaborazione di Roberto Cipresso: otto annate dal 2002 al 2011, ancora in affinamento.C’è spazio ancora per una degustazione di Schiave alto-atesine del 2010 al 2011: sedici etichette di vini molto freschi e piacevoli, con al vertice un Sanct Magdalener classico di Josephus Mayr.Poi: gli Champagnes di James Bond, Tognazzi cuoco, vino di Soave, relais La Posta Vecchia di Ladispoli, e le consuete rubriche.

 

Spirito di Vino, anno IX, n. 52, ottobre-novembre 2012, € 6.00

SpV52Questo numero si apre con una verticale del Cabernet Montebello della californiana Ridge Vineyards (top per il 1995), a cui fanno seguito quella del Duca Enrico dell’azienda di Salaparuta (i vini preferiti quelle delle vendemmie del 2000 e del 2008), e della Riserva Bagnadore della Barone Pizzini (vertice per il Pas dosé del 2004 e l’extra-brut del 2001). Ritorna la Borgogna con i grandi bianchi e rossi della Côte de Beaune, degustati in occasione dei Grands Jours; poi molti altri servizi, dedicati ai cambiamenti climatici e le loro conseguenze sul vino, allo Champagne Pommery, alla vinoteca Centro Storico di Serralunga d’Alba, alla cucina dell’Eleven a New York,e, per finire, agli erogatori di vino al bicchiere. Poi, le consuete rubriche.

(Pubblicato il 21.10.2012)




 Privacy Policy