Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste: Wine Spectator nn. 6 e 7 del 2012

Wine Spectator, vol. 37, no.6, August 13, 2012, $5.95

WS_august_31-2012“The List”è quella dei ristoranti con le migliori cantine del mondo. In questo numero, come ogni anno, vengono valutati i ristoranti che gli amanti del vino desidererebbero. Ce ne sono per tutti i gusti: esattamente 3.795, e di fatti occupano quesi per intero questo numero. Quattro i ristoranti in primo piano: A Voce Columbus, a New York, Acquerello, a San Francisco, Commander’s Palace, New Orleans, e Sierra Mar, A Big Sur (California).

Poi, pagine su pagine nelle quali vengono riportati gli Awards del 2012: prima gli States, in ordine alfabetico (43 pagine), poi, sempre in ordine alfabetico, il resto del mondo (16 pagine).

I Grand Award , contrassegnati dai tre bicchieri?Appena 75.Quattro in Francia , tutti a Parigi: Alain Ducasse, La Tour d’Argent, Le Cinq e Taillevent. Altrettanti in Italia: l’Antica Bottega del vino di Verona, l’Enoteca Pinchiorri a Firenze,La Péergola a Roma e, unico del Sud, il Poeta contadino di Alberobello.Resta spazio solo per due servizi dedicati ai vini dell’estate: i rosé (92 punti per un vino della Languedoc, Les Clans 2010, poi il Cerasuolo di Valentini, con 91, primo dei rosé non francesi), e i Sauvignon blanc di California (92 punti anche per un Sauvignon blanc della River Valley e uno di Santa Barbara, entrambi dell’annata 2010.Poi le consuete rubriche degli opinionisti (tra cui un ricordo di Aldo Conterno, di Matt Kramer) e la Buying Guide: tra i “collectibles”, i grandi vini da destinare a lungo invecchiamento, il Brunello di Montalcino di Biondi Santi del 2007

 

Wine Spectator, vol. 37, no. 7, August 13, 2012, $5.95

WS_september_30-2012

 

(Pubblicato il 22.10.2012).

Questo numero di agosto é dedicato alla carne, la grande passione americana, con una serie di servizi: i piatti dei grandi chefs,dove si allevano i migliori manzi da carne, i tagli, le migliori steak houses.Poi: Borgogna bianchi delle vendemmie 2008 e 2009 (per WS, per i bianchi, meglio la prima, con una media di 93, che la pone , insieme con la 2005, subito dopo la vendemmia 2002).Al top un Bâtard-Montrachet, di Colin –Morey , uno Chevalier-Montrachet di Philippe Colin e un Corton-Charlemagne di Tollot-Beaut, tutti del 2009. Top value, un Saint-Aubin di Philippe Colin (stessa annata). A seguire, un servizio sugli americani che si sono stabiliti in Borgogna e un altro sui migliori Pinot noir di California: al vertice un Pinot noir della Sonoma Coast di Marcassin del 2006 e uno della Russian River Valley di Rochioli del 2010, in un quadro generale di qualità elevata.Per chiudere: la grande cucina asiatica e le consuete rubriche e la Buying Guide: due italiani (ancora dei Brunello, Altesino e Csanova di Neri del 2006) tra i Collectibles, uno tra i Best Values (Chianti Folonari 2010) e ben quattro Smart Buys (gli acquisti intelligenti): tre Chianti (La Castellina, Castello di Querceto e Villa Antinori ) e un vino di Bolgheri (il Poggio ai Ginepri di Argentiera).



 Privacy Policy