Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste del vino: Wine Spectator agosto e settembre 2014

Wine Spectator, vol. 39, no.6,   August 31, 2014, $5.95

WS aug 2014Il numero è pressoché interamente dedicato alla Dining Guide, con 3.700 ristoranti per i wine lovers di tutto il mondo . La copertina è dedicata a Eric Ripert “maestro” di seafood a New York, la cui storia è descritta in un ampio articolo che apre la rivista dopo le rubriche e le pagine degli opinionisti.

Prima della rassegna delle migliori Wine List de ristoranti , si parla di vini australiani: dominano ancora gl Shiraz, ma si fanno strada i Cabernet. Harvey Steiman indica i suoi vini aussie preferiti.Il resto del numero è tutto sui ristoranti: una ventina quelli italiani (cinque quelli che hanno ottenuto il massmo riconoscimento). In chiusura la consueta Buying Guide, con il Ca’ d Morissio Monprivato riserva 2006 di Giuseppe Mascarello e l’Ornellaia 2011 tra i migliori collectibles.

 

Wine Spectator, vol. 39, no.7,   September 30, 2014, $5.95

WS Sept 2014La copertina di questo numero è dedicata agli After Dinner e ai vini per accompagnare i desserts . Poi: Borgogna bianchi 2011 e Pinot nero di California. La rivista è aperta appunto dall’articolo dedicato a vini e dessert. Owen Dugan propone sei desserts con i loro matchs. A pag. 71 arrivano i bianchi borgognoni (“Charm and substance”): 92 punti alla vendemmia 2011, appena un filo sotto il 2010, con il Bâtard-Montrachet del Domaine Leflaive 2011 al vertice nella graduatoria di Bruce Sanderson. A seguire il ritratto del Domaine Marc Colin, a Saint-Aubin, e i suoi banchi. E’ la volta del Pinot nero californiano a cura di James Laube: 2011 ottimo a Santa Lucia Highlands,

sempre oltre i 90 punti dal 2007.Al vertice un Pinot noir di Sonoma di Marcassin della vendemmia 2009. Insieme con le rubriche , comprese nella prima parte della rivista e alle pagine degli opinionisti, chiude il fascicolo la Buying Guide: l’Italia è presente solo nella sezione dei Best Value, con un Nero d’Avola di Villa Pozzi del 2013.

(Pubblicato il 30.09.2014)




 Privacy Policy