Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le riviste del vino: Terre de Vins, sept.-oct. e nov.-déc. 2014

Terre de Vins, n. 31, septembre-octobre 2014, € 6.00 in Francia, € 7.10 in Italia

Terre-de-Vins-N31-Septembre-Octobre-2014La copertina è dedicata ai primi cinque anni della rivista e alle buone ragioni per leggerla. Molti i servizi di questo numero: sondaggio sui Francesi e il vino; intervista ad Alain Juppé, Primo ministro francese alla fine degli anni ’90, poi sindaco di Bordeaux e il suo rapporto col vino; la Saga di Alfred Bonnie proprietario di Château Malartic-Lagravière a Pessac-Léognan.

A seguire : i rosé di Tavel (Domaine d’Acquéria) ; la marcia del Mâcon (il St-Véran di Frantz Chagnoleau), poi le degustazioni: i migliori vini del Rodano meridionale e le migliori proposte nella Grande Distribuzione. E poi ancora: le Pepite della Redazione, il formaggio Comté, i funghi . Per la sezione dedicata alla cucina: il Saint James , e poi l’Auberge du Père Bise, sulle rive del Lago di Annecy. Gli itinerari eno-turistici sono dedicati alle Terrasses du Larzac, in Languedoc, e all’isola di Hvar, in Croazia. Non restano che le rubriche. Si chiude con le Coulisses di Pierre Arditi.

Terre de Vins, n. 32, novembre-décembre   2014, € 6.00 in Francia, € 7.10 in Italia

TdV dic.14I titoli di copertina: 150 bottiglie per le feste; la rivincita degli outsiders a Pessac-Léognan, escursione nelle terre del Beaujolais; l’emozione del millesimo 1914.Bene: dopo le consuete rubriche, si apre con una bella foto dall’alto di Cheval blanc in bianco e nero, poi l’annata 1914 , accompagnata dal suono dei cannoni: le belle bottiglie centenarie. Sul divano, per la consueta intervista, questa volta è Jean Gautreau, proprietario di Sociando- Mallet, mentre la Saga  riguarda la famiglia Camus e i suoi cognac.Poi: il moscato corso di Anne-Marie Casablanca e le grandi degustazioni, dedicate ai rossi di Pessac-Léognan 2012 e ai vini per le feste, un po’ di tutte le regioni. Gastronomia: il fagiano , il formaggio di Sainte-maure-de Touraine, la cucina dell’Hérault al Côté Mas. Il Beaujolais è la nuova terra promessa, secondo il servizio delle Escapades, che gli è dedicato; l’altro itinerario è invece per l’Etna . Ancora: libri, indirizzi, shopping, le altre rubriche. All’interno, un inserto dedicato alle SAFER (Societés d’Aménagement Foncier et d’Etablissement Rural) e ai sogni dei viticultori.

(Pubblicato il 5.11.2014)




 Privacy Policy