Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste del Vino: La Revue du Vin de France, ott.. 2014-genn.2015

La Revue du Vin de France, n. 585 ,ottobre 2014, € 6.20 in Francia, € 6.90 in Italia

RVF octobre14Rinascita dei vini di Chinon, i nuovi Châteauneuf-du-Pape, 40 annate di Château Figeac sono i titoli principali di copertina.Si comncia con una intervista a Jean-Marie Guffens,produttore mitico del Mâconnais, i cui Chardonnay combattono ad armi pari con i migliori bianchi di Borgogna.

 

La “Rivelazione” di questo numero è dedicata ai giovani lupi dell’enologia borgognona, da Vincent Dureuil e i suoi Rully a Pierre De Benoist.e il suo Bouzeron. L’articolo che segue parla delle nuove etichette dei vini , sempre più creative e spesso provocatorie. Poi: Chardonnay contro Sauvignon: duello tra gli Chablis di Vincent Dauvissat e i Sancerre di Anna Vatan.Il Domaine sotto esame questo mese è il Domaine des Ardoisières di Brice Omont, nella Savoia. Brouilly e Côte de Brouilly, nel Beaujolasis sono i terroirs di cui ci si occupa in questo numero. Poi, nella sezione dedicata alle grandi degustazioni, focus sugli Châteauneuf-du-Pape del 2012 e sui vini di Chinon, Figeac 1959-2011, vini greci, il pigeage, Monthélie la sconosciuta, L’itinerario del mese è l’Ardèche meridionale.E poi: Louis-Benjamin e Charlotte Daguenau, gli eredi del grande Didier, il grande accordo tra una langoustine royale e il Sylvaner alsaziano di Albert Boxler. E ancora: i ristoranti, gli indirizzi, i consigli dei vignerons, le numerose, consuete rubriche

 

La Revue du Vin de France, Hors-Série n. HS 27, novembre 2014, € 8.50 in Francia, € 9.00 in Italia

RVF HS27 14Questo numero “fuori-serie” è principalmente dedicato ai migliori vini assaggiati nel 2014 secondo i degustatori della Revue.Si comincia con i vini raccomandati da Olivier Poels e si finisce con quelli di Caroline Furstoss: 500 grandi cuvées dalla Champagne ai vini del sud e a quelli stranieri (ci sono due italiani: il Passopisciaro 2010 e il Dolcetto d’Alba di Roagna del 2012). Si comincia con lo shopping di articoli-regalo da vino (dai bicchieri ai libri), per passare agli armoires à vin. Poi: il vino in India, le bottiglie della Tour d’Argent a Parigi, la verticale di Château La Conseillante (Pomerol), Dom Perignon blancs e rosés , dal 1982 al 2005, Domaine de Trévallon, il Cabernet provenzale   Chiude il numero l’intervista a Eric Corbeyran, sceneggiatore della popolare saga Château Bordeaux.

La Revue du Vin de France, n. 586,novembre 2014, € 6.20 in Francia, € 6.90 in Italia

RVF nov 14In copertina: Appuntamento con la leggenda con i Bordeaux dell’annata 2005; la lotta di Romanée-Conti contro gli speculatori; i migliori crus di Cornas; banco-test: i migliori bicchieri da vino.Ad aprire questo numero è l’intervista ad Alexandre Ricard, a capo del gruppo Pernod-Picard. Poi: esiste un bicchiere da vino universale? Per la RVF Authentis 02 di Spigelau è il più polivalente di tutti.Segue un’inchiesta contro la speculazione nel mondo dei grandi vini; Aubert de Villaine contro Robert Gorreteau. Poi: Focus sul Domaine Canarelli, Corsica meridionale; faccia a faccia tra gli Chinon di Bernard Baudry e i Saumur-Champigny di Thierry Germain: il sorprendente Sciaccarellu corso. L’itinerario del mese è l’Alta Savoia, tra Lemano e Monte Bianco. Nella sezione dedicata alle grandi degustazioni: che è oggi dei grandi Bordeaux dell’annata 2005? E ancora: i migliori Cornas, la Cuvée Sir Winston Churchill di Pol Roger; vini israeliani; i lieviti nella vinificazione. La seconda parte della rivista è dedicata al Salon des Indépendants : le migliori cuvées per la RVF. Il grande accrdo del mese è tra il civet di funghi e uno Château Haut-Bally 2002. Infine: i ristoranti,gli indirizzi, le consuete rubriche.

La Revue du Vin de France, n. 587 dicembre 2014-gennaio 2015, € 6.20 in Francia, € 6.90 in Italia

RVF dic.14Titoli di copertina: i 50 migliori Domaines di vini bianchi della Borgogna, da Chablis al Mâconnais; Champagne, i blancs de blancs più raffinati; i vini liquorosi di Natale. Apre il numero l’intervista a Philippe Castéja,proprietario e négociant a Bordeaux.. Poi la rivelazione del mese: i vini dei re del Cognac. A seguire: la grande inchiesta sull’oro della Borgogna, i migliori Domaines produttori di vini bianchi da uva Chardonnay, che occupa più di metà del fascicolo. Il Domaine sotto esame è il Clos Centeilles nel Minervois, in Languédoc. Poi il terroir delle Graves, itinerario nella Côte de Bar, nella Champagne.Nella sezione delle grandi degustazioni: speciale Champagnes Blancs de blancs, poi: vini della Savoia,Bordeaux gourmands a prezzi amichevoli,Porto Tawny, Riesling alsaziano, i vini liquorosi per le Feste; in cantina: la decarbonication.Restano le pagine degli indirizzi, delle rubriche, delle pagine degli opinionisti.

(Pubblicato il 5.1.2015)




 Privacy Policy