Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste del vino: Terre de Vins, marzo-giugno 2015

Terre de Vins, n. 34, marzo-aprile 2015, € 6.00 in Francia, € 7.10 in Italia

TdV 34I Bordeaux “di marca” hanno il titolo principale di questo numero in copertina. Poi: Châteauneuf-du-Pape blanc, Week-end a St.Estèphe, La cucina di La Rochelle, la saga dei De Sousa nella Champagne-

Si comincia, con un reportage sul “Sacro dilemma”, il rapporto tra Islam e vino, per proseguire con una intervista ad André Lurton, personaggio carismatico di Bordeaux, i vini catalani e il talento di Frédérique Vaquer, nel Roussillon.

La saga di questo numero è dedicata alla famiglia De Sousa, proprietari della nota marca di Champagne. Poi: i bianchi insoliti di Châteauneuf-du-Pape (la palma a quello dello Château Beauchêne 2013) e i migliori Bordeaux “di marca”, che occupano la parte centrale di questo numero; i vini per accompagnare il Mont-d’or (o vacherin du Haut-Doubs) e le coquilles Saint Jacques.Sylvie Tonnaire ha curato la selezione delle “Pepite della redazione” (ottimi vini a prezzo contenuto). Cucina: stelle di mare a La Rochelle, dove impera la famiglia Coutanceau : dal nonno pescatore al padre chef e ai figli che dirigono una scuola di cucina.; Le Crabe Marteau a Parigi e a Brest. Ancora: itinerario a St.Estèphe, e, all’estero, le vigne di Israele.Che altro? Le rubriche, le pagine degli opinionisti (Pierre Arditi “en coulisses”), gli indirizzi.

Terre de Vins, hors-série avril 2015, € 7.00 in Francia, € 7.10 in Italia

TdV hors sérieUno dei Numeri speciali enoturistici della rivista: una dilatazione dell’abituale sezione delle Escapades . Naturalmente sono soprattutto le regioni del Sud della Francia, quelle maggiormente approfondite. Quattro sono le sezioni di questo fascicolo speciale: la prima , intitolata “Mare Nostrum”, va dal Rodano meridionale alla Languedoc, passando per la Provenza; la seconda, intitolata “Escale à Bordeaux”, tocca le regioni comprese tra la Garonna e la Dordogna; la terza è focalizzata sulla “ricchezza del Sud-Ovest”; infine, in “Enoturisme Tous Azimuts” riguarda tutti gli altri territori di Francia : (Loira, Savoia, Borgogna, Champagne).. Molte belle foto,, brevi annotazioni e suggerimenti, i taccuini pratici (dove dormire, che cosa assaggiare, ecc.).Buon viaggio.

 

Terre de Vins, n. 35, maggio-giugno 2015, € 6.00 in Francia, € 7.10 in Italia

TdV mai juin 2015I coup de coeur tra i Primeur 2014 a Bordeaux, i rosé, la nuova cucina delle brasseries… Tutti temi che stanno molto a cuore ai francesi, giustamente in copertina. Si comincia, dopo le rubriche, gli eventi, ecc., con i lavori di restauro e ampliamento delle grandi cantine di Bordeaux, un mare di denaro per dare ancora più lustro agli Châteaux. Ancora Bordeaux, con il decimo anniversario della mascita dell’associazione Bordeaux Oxygène (BO2), che unisce 18 viticultori bordolesi che guardano al Bordeaux di domani. Poi: Thierry Thomas, il mago dello Chardonnay nella Languedoc, l’intervista a Patrick Baudry, secondo francese ad andare nello spazio 30 anni fa e grande appassionato di vino. La saga di questo numero è dedicata questa volta alla famiglia Triaud, proprietaria di Ch. Gloria e Ch.St. Pierre a St. Julien. La selezione Bettane+ Desseauve è naturalmente dedicata ai primeur di Bordeaux, che occupano le 30 pagine centrali di questo numero .Per la serie vini e formaggi, si parla di come accompagnare il Picodon e poi, ancora, i vini delle fragole, la regina dei dessert alla frutta. Le pepite di Sylvie sono questa volta per i rosé,poi ci sono gli Champagnes per la primavera. L’itinerario del mese é nel cuore delle Aspres, nel Roussillon. Quindi: la cucina senza frontiere del Grand Hotel de Bordeaux, la “fragrant délice” di Yann Quefelec, scrittore e Premio Goncourt, Le Pélican di Rochefort-en-Terre.Infine: le rubriche e le coulisses di Pierre Arditi, innamorato del Bandol e di Château Pibarnon.

(Pubblicato il 2.6.2015)




 Privacy Policy