Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste del Vino: Bourgogne Aujourd'hui, maggio-giugno 2015

Bourgogne Aujourd’hui, n. 123,   Maggio-Giugno   2015, € 6.50, Italia € 7.00

In copertina sono i prezzi, in continua ascesa, dei vigneti in Borgogna: le cause degli aumenti e quando comperare. Poi le degustazioni della Côte Chalonnaise 2012 e dello Chablisien 2012-13; incontro con Caroline Frey appena arrivata allo Château Corton-André. Dunque:Dossier prezzi dei vigneti borgognoni, sempre più alti, e come diventare proprietario di vigna e l’importanza dei Groupement Foncier Viticole .

Bourgogne mai-juin 2015

Ne parla anche, nel suo editoriale, Thierry Gaudillère. Ma prima si parla del rafforzamento della difesa delle vigne contro la temutissima grandine e della sperimentazione dell’impiego degli ioduri d’argento e rame per evitare la formazione dei grêlons.Segue l’attesa per la Cité des Vins de Bourgogne a Beaune: appuntamento al 2018. “Elogio della pazienza” è il titolo dell’intervista a Caroline Frey , la giovane enologa originaria della Champagne, che si è già presa cura di Ch. La Lagune (nell’Haut-Médoc), , del Domaine Paul Jaboulet AÎné) nel Rodano, infine allo Château Corton-André ad Aloxe, in Borgogna. Poi: la nascita del Cremant de Bourgogne,e i cahiers de dégustation: Chablis-Irancy-St. Bris (con un focus su Le Clos , il più famoso dei grand cru di Chablis), e la Côte Chalonnaise (2012 “miracolato” ed eccellente). Completano il fascicolo gli indirizzi migliori per soggiornare tra le vigne, i ristoranti e i libri . Per la sezione “Ailleurs” si parla ancora una volta del Piemonte, regione italiana molto amata dai borgognoni, e dei suoi vitigni cosiddetti minori, dal Dolcetto alla Barbera. Questa volta al numero è allegato il fascicolo dedicato al Beaujolais , con la rassegna dei migliori 2013 della regione. Ma si parla anche della capacità di invecchiare del Beaujolais e degli accordi cibo-vino, (naturalmente) con vecchie bottiglie di Beaujolais.

(Pubblicato il 2.6.2015)




 Privacy Policy