Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste del Vino: Wine Spectator, oct. 15, 2015

Wine Spectator, vol. 40, no.7, October 15, 2015, $5.95

Grandi rossi spagnoli nel titolo al centro di copertina. Poi: vini della Loira, la guida alla costa di Barcellona e cocktails “affumicati” . Dopo l’editoriale di Marvin R. Shanken dedicato all’ascesa dei vini spagnoli, le varie rubriche, novità,le pagine degli opinionisti (Laube sul successo dei vini Meiomi, Kramer alla ricerca dei fondamentali) e i cockatils al fumo nella sezione degli Spirits, si comincia con un servizio sui pionieri del Priorat iberico, e naturalmente in primis, Alvaro Palacio.

WS oct. 15.2015

Il servizio è corredato da una storia del Priorat in 12 bottiglie, a partire dal Cartoixa 1975 Scala Dei . In chiusura i vini raccomandati da Thomas Matthews (al vertice il Mas de la Rosa 2012 di Val Lach). Restiamo in Spagna anche col servizio seguente, riguardante i profumi e i sapori di Barcellona e della Costa Dorada, con i migliori ristoranti e alberghi. Ancora vini spagnoli:rossi potenti, bianchi “diversi” e grande rapporto qualità-prezzo. Thomas Matthews valuta le diverse annate dei vini spagnoli nelle tre regioni principali (Rioja, Priorat e Ribera del Duero) e indica i suoi vini preferiti (al vertice un Ribera del Duero del Dominio de Atauta della fortunata vendemmia 2012, stimata sui valori di 2009 e 2011).

Kim Marcus presenta i vini più piacevoli e di buona convenienza prodotti con i Big Four: Cabernet Sauvignon, Chardonnay, Sauvignon blanc e Syrah. Una curiosità: tra i migliori Chardonnay ci sono tre pugliesi: Cantele, Tormaresca e Rivera. Segue un servizio dedicato a un territorio ancora sconosciuto per i suoi vini, quello del Vermont, e a un pioniere di quella regione, Deirdre Heekin. Nell’articolo successivo tocca ai vini della Loira della difficile annata 2013. Secondo James Molesworth c’è comunque qualità e i vini sono molto adatti alla tavola. Nella personale graduatoria dei migliori, predominano i vini moelleux, con quattro Quarts-de-Chaume e un Coteau du Layon ai primi cinque posti. Chiude il fascicolo, come di consueto, la Buying Guide.Questa volta non c’è nessun vino italiano nelle categorie della qualità più alta,ma ce ne sono due (vengono entrambi da Montepulciano) tra gli acquisti più convenienti.

(Pubblicato il 15.10.2015)




 Privacy Policy