Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste del Vino: Wine Spectator nov. 15, 2015

Wine Spectator, vol. 40, no.10, November 15, 2015, $5.95

Ws nov 15.15In copertina Bill Harlan e il suo impero nella Napa Valley, e, più in piccolo, il report annuale sul Cabernet Sauvignon californiano, i top restaurants di New York, i distillatori artigianali e i bianchi alsaziani. Si comincia con le numerose rubriche di Wine Spectator: la posta, gli affari nel mondo del vino,wine & design, i perfect matches,le pagine degli opinionisti (James Laube sul lancio delle annate,Matt Kramer sul valore delle differenze).

Il primo servizio è per la saga degli Harlan, annunciata in copertina, a partire dalla prima avventura nella Napa e dal suo incontro con Mondavi, fino alle fortune attuali.

Il report sulla vendemmia 2012 del Cabernet californiano parla di una grande annata (a Napa meglio che a Sonoma) con un raccolto record, dopo un deludente 2011. I migliori assaggi per James Laube sono i Cabernet Vixen Block di Bevan Cellars e Oakville di Screaming Eagle.L’articolo che segue è dedicato alle stelle nascenti del Cabernet californiano, da Dakota Shy a Tanner DaFoe. Eccoci quindi ai ristoranti di Manhattan e alla costante crescita dei locali per i wine lovers. Finalmente un po’ d’Europa: i vini “fossili” dello Jura (con Jean François Ganevat al vertice per James Molesworth) e quelli alsaziani , con i suoi grandi Grain Nobles e Vendange Tardive. In mezzo, i distillatori artigianali , dalla California a New York. C’è anche un po’ d’Italia, con l’incontro con il barolista Mauro Mascarello. Per chiudere: la Guida alfabetica al Cabernet californiano e la Buying Guide:molta Francia ( e niente Italia) questa volta nelle categorie dei vini più pregiati,solo una Barbera d’Alba tra i vini best value.

(Pubblicato il 23.11.2015)




 Privacy Policy