Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste del Vino: Bourgogne Aujourd'hui nov.-déc. 2015

Bourgogne Aujourd’hui, n. 126,   Novembre-Décembre 2015, € 6.50

Bourgogne 126La terza  domenica di novembre è il giorno della grande vendita aux enchères degli Hospices de Beaune, e naturalmente il titolo principale di copertina è dedicato a Beaune e alla sua grande asta dei vini.Questa del 2015 è anche la prima vendemmia effettuata sotto la supervisione di Ludivine Griveau, che ha preso il posto di Roland Masse, e questo naturalmente aggiunge un motivo di interesse in più.

Allora, dopo l’editoriale di Christophe Tupinier “Millésime 2015: XXL” e le rubriche di apertura, si comincia con l’intervista a Michael Baum, “un americano a Pommard”, nuovo proprietario dello Château de Pommard. A seguire un bel servizio fotografico dedicato alle vendemmie all’antica , e poi le Degustazioni di questo numero. Questa volta sono dedicate ai Nuits-Saint-Georges e a ai Vosne-Romanée del 2013 (il 2012 è stato davvero meglio del 2013?), e ai Côtes-de Nuits- Villages, ai Marsannay e ai Fixin del 2012 e 2013 (Ancora progressi). Infine, i Pinot Noir della vicina Svizzera.

Focus sul Domaine del Comte Liger-Belair a Vosne-Romanée, con una bella serie di assaggi di Vosne-Romanée villages e Premier cru e del monopole La Romanée grand cru. A seguire: vento di rinnovamento nelle Caves cooperatives: gli esempi de La Chablisienne, dei Vignerons de Buxy e dei Vignerons des Terres Secrètes.

Eccoci finalmente a Beaune sotto i proiettori.Ovviamente grande curiosità sulla nuova firma di Ludivine Griveau e l’ingresso della prima cuvée di Chablis nel favoloso patrimonio degli Hospices. Infine Antoine Jacquet, direttore degli Hospices Civils de Beaune celebra questa straordinaria istituzione (ospedale, azienda vitivinicola,monumento storico e museo). C’è ancora qualche pagina sugli indirizzi gourmand di Beaune e i libri.

Allegato a questo numero è il supplemento dedicato ai Crémants, con la Guide d’Achat e una eccezionale degustazione di vecchi Crémants (dal 1996 al 2010)

(Pubblicato il 23.11.2015)




 Privacy Policy