Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste del Vino: La Revue du Vin de France, déc. 2015-janvier 2016

La Revue du Vin de France, n. 597, dicembre 2015-gennaio 2016, € 6.50 in Francia, € 7.20 in Italia

la revue du vin de france 2015 12 2016 01 In copertina: Bordeaux e l’’arte di invecchiare bene , Come servire i grandi Mèdoc di 20 anni, Champagne per Natale, distillati di frutta, le 200 personalità dell’anno del mondo del vino. Apre il fascicolo l’editoriale di Denis Saverot, dedicato appunto ai 200 “nomi” del vino francese, a cui è più avanti dedicato un dossier di ben 43 pagine. A seguire è la grande intervista del mese, che questo mese è rivolta ad Alain Dutournier, ristoratore di fama internazionale, proprietario , tra l’altro, del Carré des Feuillants, due stelle Michelin .

Le notizie del mese: Amazon apre alla vendita di vini, l’équipe spagnola trionfa al mondiale della degustazione alla cieca a Châteauneuf-du- Pape (Francia solo quinta, l’Italia ben più giù, al 16° posto ex.aequo con il Giappone), il nuovo Clos des trois clochers della Maison Leclerc-Briant, disaccordi sulla classificazione Unesco dei crus. La posta dei lettori e il calendario degli eventi del vino in Francia precedono la pagina di Jean-Robert Pitte, professore di geografia alla Sorbonne dedicata ai vigneti pionieri, ossia alla frenetica diffusione della vite in paesi del mondo che non avevano mai conosciuto il vino.

Il primo servizio del fascicolo è un test sul modo migliore di servire un grande Médoc di venti anni: a confronto il sistema della doppia decantazione, la caraffatura due ore prima e la semplice apertura della bottiglia 24 ore prima. Risultato: generalmente è quest’ultimo metodo a permettere di apprezzare il vino al suo meglio, mentre quello della caraffatura due ore prima il peggiore, con una sola eccezione (lo Château Poujeaux, un Moulis, del 1996). Nella sua pagine dedicata agli accostamenti cibo-vino, Olivier Poussier parla del foie gras con chutney e confetture di frutta, poi eccoci alle personalità del vino francese. Il n. 1 è Bernard Arnault, il magnate dei vini di lusso (LVMH). Poi: Frédéric Rouzard (Roederer) è 7°, Robert Parker in pre-pensione è 12*, Aubert de Villaine (Domaine dela Romanée-Conti) è 14°, Michel Chapoutier 17°, Alain Geoffroy, il “naso” della Dom Perignon, è 38°, Michel Rolland 39°… E così via . Ci sono anche due italiani: Enrico Bernardo, sommelier (127°) e Giovanni Mantovani (direttore di Vinitaly, 129°) e naturalmente Antonio Galloni (158°).

Si prosegue con il Domaine sotto esame: si tratta della Maison di Champagne Billecart-Salmon, con una verticale di 11 annate (dal 1979 al 2002) della Cuvée Nicolas François Billecart). L’itinerario del mese è dedicato alla parte settentrionale dell’Alsazia (da Marlenheim a Andlau). Poi i grandi accordi, tra caviale e Champagnes, le rubriche degli indirizzi (ristoranti, cavistes) e dei libri, il mercato del vino e le aste, l’editoriale di chiusura di Sébastien Lapaque sulla battaglia delle Appellations.

Nell’inserto centrale, dedicato alle degustazioni, si comincia con l’annata 2006 dei Bordeaux dieci anni dopo . Grande successo di Pessac-Léognan: al vertice Haut-Brion, rosso e bianco, Laville Haut-Brion blanc e Chevalier con due Pauillac Premier Cru, Lafite-Rotschild e Latour, con 19/20.Segue una degustazione alla ricerca dei migliori Champagne brut (sans année) delle Grandi Maisons, Per la RVF, al vertice è la Cuvée 738 di Jacquesson, con 17/20, seguita da Deutz, Louis Roederer, Philipponnat,Bollinger, Gosset e Pol Roger con 16.5. L’inserto centrale è completato da un servizio dedicato ai vini di Jérez e Montilla-Moriles, alle migliori acqueviti di frutta di Francia (ovviamente Alsazia in testa),e il “nuovo” della Mosella francese.




 Privacy Policy