Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Vino e fumetti: Les Vins d'Alsace

Eberlé, D. et Muller, C. (2013). Les Vins d’Alsace. Les vendanges de l’histoire. Strasbourg: Editions du Signe, € 15.00

Alsace EberléChe il vino in Francia sia considerata una cosa seria, non c’è nessun dubbio. Paradossalmente, a dimostrarlo, è anche questo curioso libretto (difficile pensare che resterà isolato) , che mostra come esso sia visto non solo come una bevanda , ma come un vero e proprio oggetto culturale. Non è il primo e non sarà l’ultimo libro a fumetti dedicato al mondo del vino ad essere pubblicato in Francia, dove sembra che siano molto apprezzati.

Qualche tempo fa, infatti, presentammo anche una curiosa storia “gialla” , rigorosamente in bandes dessinées, sulla misteriosa scomparsa, avvenuta nel corso di una esibizione di magia, nientemeno che di Aubert de Villaine, mitico co-proprietario del Domaine vitivinicolo più famoso del mondo, il Domaine de la Romanée-Conti.

Questo di Didier Eberlé, che ne è il soggettista e il disegnatore, e Claude Muller , addirittura uno storico di professione, è un godibilissimo racconto fantastico, di cui sono protagonisti due ragazzi, dai nomi emblematici di Hansel e Gretel, e niente meno che il dio Bacco in persona, che descrive un misterioso viaggio nel tempo nell’Alsazia dal Medioevo ad oggi per conoscere la storia dei grandi crus di quella regione vitivinicola. Difficile credere però che si tratti di un libro destinato ai bambini, per quanto la casa editrice sia particolarmente impegnata nella editoria per l’infanzia. Quanto all’accuratezza dell’informazione storica non vi è dubbio alcuno. Non manca la descrizione delle varietà storiche dell’Alsazia, così come una dettagliata cartina dei crus. Molto gradevoli i disegni, certo più esile la storia, che è solo un espediente per veicolare l’informazione. Quando vedremo una storia del Barolo o del Chianti classico?




 Privacy Policy