Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste del vino: Bourgogne Aujourd'hui, n. 127, Janvier-Février 2016

Bourgogne Aujourd’hui, n. 127,   Janvier-Février 2016, € 6.00

Bourgogne Aujour. 127Il titolo principale di copertina è dedicato al film di Cédric Klapish. “Le Vin et le Vent”, nel quale è protagonista Jean-Marc Roulot, noto vignerons autore di grandi bianchi della Côte-de-Beaune. Altri titoli: il Palmarés 2015 dei Borgognoni dell’anno, la Guida agli Acquisti (Volnay-Pommard 20’12-3 e crus del Mâconnais).


Apre il numero l’Édito di Christophe Tupinier sui 10.000 vini raggiunti dal data-base di Bourgogne Aujourd’hui, poi: l’arretramento della Flavescenza Dorata,il flagello annunciato: non ancora completamente sconfitta, ma in decisa flessione, la nomina di Guillaume D’Angerville al posto di Aubert de Villaine alla Presidenza dei Climats borgognoni, il rilascio di Thibault LIgeer-Belair, vigneron ribelle. Eccoci al film di Klapisch, “Le Vin fait son cinéma”, con una intervista al regista. A seguire un servizio fotografico sul risveglio della vigna nel cuore dell’inverno, poi le degustazioni. Sono tre: Pommard e Volnay delle annate 2012 e 2013, annate molto sofferte a causa della grandine, ma con risultati qualitativi nel complesso confortanti; i Crus del Maçconnais del 2013, l’anno “miracolato” , che ha dato vini di grande concentrazione e freschezza; l’ancora poco conosciuto Irancy, il rosso della Yonne. Seguono un servizio dedicato ai vini del Domaine William Fèvre e a una degustazione di due suoi crus: Bouguerots e Vaulorent dal 1998 al 2014, e la “rivoluzione” al Domaine Joblot, nel quale , a Jean-Marc, subentra la figlia Juliette ( 2012 il “suo” primo millesimo), accompagnata da una verticale dio Givry Cellier aux Moines dal 1985 al 2014. Eccoci al Palmarés delle personalità del vino borgognone nel 2015, con Erwin Faiveley (Domaine Joseph Faiveley) e Patrick Landanger (Domaine de la Pousse d’Or) vignerons investitori . Per finire: le migliori bottiglie degustate nel 2015, la gastronomia (i vini per la trota), i libri.




 Privacy Policy