Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste del vino: La Revue du Vin de France, febbraio 2016

La Revue du Vin de France, n. 598, Février 2016, € 6.50 in Francia, € 7.20 in Italia

RVF 598I titoli grandi della copertina di questo numero: La potenza e lo stile di Gevrey-Chambertin, il meglio del Bio, speciale Muscadet.   Si comincia con l’Édito di Denis Saverot. Il tema: l’esplosione de prezzi dei vini della Côte d’Or, grands crus di Gevrey-Chambertin in testa. A seguire l’intervista del mese è a Jean-Claude Ellena, grande creatore di profumi per i marchi più famosi di Francia.

Poi le previsioni di Jean-Luc Coupet , banchiere e vigneron sui prezzi delle vendite delle vigne e le altre notizie (il Bag-in box per i vini di qualità, la linea Bordeaux-Toulouse- Dax e i Sauternes, la Bourgogne su Smartphone, la Percée del Vin jaune,,,), gli appuntamenti del vino. Dopo gli accordi di Olivier Poussier per le torte al limone,una inchiesta sul prezzo delle grandi bottiglie nei ristoranti stellati di Courchevel, i nuovi progetti dei vignerons Marionet e la rinascita delle varietà scomparse. Di seguito la redazione della RVF rende omaggio ai protagonisti del 2016, da Aubert de Villaine e Pierre Cheval, i grandi “connestabili” della Borgogne e della Champagne, fino al creatore dell’appicazione Vinexplore. Il Domaine sotto esame è Le Roc des Anges, nel Roussillon, mentre il terroir per l’expertise è quello di Rully, la porta nord della Côte Chalonnaise. A fine gennaio, a Montpellier, apre Millésime-Bio , con i vini di oltre 800 Domaines.La RVF gli dedica un servizio selezionando i migliori vini bio di Francia e del resto d’Europa (c’è anche l’Italia con le sue cantine). Poi: un itinerario a Pomerol, i migliori accordi a tavola nel Bergeracois, i ristoranti, i cavistes, i libri, le aste… Nell’inserto centrale, dedicato alle grandi degustazioni: l’”integrale” di Gevrey-Chambertin, annata 2013, la rinascita del Muscadet e i migliori delle sue sottozone, Alsazia, il grand cru Muenchberg, valutare l’evoluzione del vino nel tempo con il metodo della tenuta all’aria.




 Privacy Policy