Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste del vino: Decanter , April 2016

Decanter, vol 41, n. 7, April 2016, £ 4.40 (in Inghilterra)

 

Decanter-April-2016La copertina di questo numero: i migliori Pinot nero del mondo (Borgogna esclusa), rossi di Beaune, la storia dei due Pichon a Pauillac, 10 nomi della California che bisogna conoscere, gli eccitanti bianchi dell’Alto Adige, l’uomo Decanter del 2016, viaggio a Salta.

Dopo una bella foto panoramica di Mission Estate, nell’Awatere Valley, in Nuova Zelanda, si comincia con le rubriche (gli avvenimenti del mese, le lettere al giornale, il Fine Wine Encounter di Shanghai) e le pagine degli opinionisti : John Stimpfig sulle linee guida sul consumo di alcool, Andrew Jefford sull’”intelligenza” delle piante,Hugh Johnson sui cambiamenti di corso nel mondo del vino.

Eccoci ai Pinot nero del “resto del mondo”: il top wine é uno Spätburgunder tedesco, seguito da un vino australiano e un altro del Sud Africa. Gli outstanding si dividono tra Nuova Zelanda (due Central Otago e un Waipara Valley), Australia (Yarra, Coal River Valley e Mornington Pensinsula), Svizzera e Sonoma Coast in California (uno a testa). Tra i best-values c’é anche un Pinot nero italiano, il Mazzon riserva di Gottardi.

Dopo si va in Borgogna, a Beaune: qui non ci sono grands crus, ma forse i vini col miglior rapporto qualità/prezzo della Côte d’Or. I climat migliori sono Grèves, Bressandes, Teurons, Clos des Mouches e Aux Cras. Per Decanter il Clos des Fèves di Chanson e il Vigne de l’Enfant Jésus di Bouchard guidano il gruppo dei migliori rossi di Beaune. Denis Dubourdieu é l’uomo dell’anno per Decanter: nato nello Château Doisy-Daëne, a Barsac nel 1949, sale alla sua guida nel 2000; in mezzo molte acquisizioni e consulenze importanti. Il vintage report del mese é dedicato alla (bella) vendemmia 2014 del Rodano settentrionale : Livingstone-Lermonth sceglie i suoi migliori.

Si parla poi dei bianchi cileni: Chardonnay e Sauvignon in evidenza.

Si torna in Francia per la saga dei due Pichon: Pichon-Baron e Pichon Pichon-Longueville Comtesse de Lalande, due cru molto diversi di Pauillac. Jane Anson sceglie le migliori annate . Karen Mc Nell presenta dieci vini californiani da conoscere assolutamente (sette sono rossi). Ecco quindi la Decanter Buying Guide. I Panel Tastings del mese sono dedicati ai bianchi dell’Alto Adige e ai vini di Crozes-Hermitage e St- Joseph.Tra i primi , gli outstanding sono un Kerner, un Pinot bianco, un Muller-Thurgau e un blend di varietà diverse. Margaret Rand seleziona i migliori Pinot gris alsaziani, poi ci sono le pagine di Steven Spurrier e i weekday wines del mese. L’itinerario di questo numero é a Salta, in Argentina , poi ci sono le Notes & Queries, lo sguardo sul mercato,e, infine, la leggenda del vino: Château de Beaucastel del 1981.




 Privacy Policy