Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste del Vino: Terre de Vins, il numero speciale sull'enoturismo

Terre de Vins, hors-série, Avril 2016, € 7.00 in Francia, € 7.10 in Italia

couvhsoeno2016-180x224-c-center 1E’ un numero speciale, fuori serie, interamente dedicato all’enoturismo. Di fatti il titolo grande di copertina è “400 belle tappe tra le vigne”, e i sottotitoli elencano alloggi, gite, degustazioni, pic-nic, buone tavole. Si comincia con l’editoriale di Sylvie Tonnaire, “Il senso della vigna”, a introdurre il tema.

Poi si comincia subito con la Valle del Rodano, con quattro itinerari , dedicati rispettivamente al nord , all’Ardèche, alla regione del Ventoux, al Drôme e al Lubéron. In ciascuno di essi sono riportate le visite e le attività più attrattive, completate dal carnet pratique (mangiar bene, dormire bene, i buoni programmi) . Alle Côtes del Rodano è dedicato anche un supplemento speciale , interamente a colori, introdotto da Michel Chapoutier , con i migliori indirizzi. Si prosegue con la Provenza. Qui gli itinerari, tutti con la stessa struttura dei precedenti, riguardano il Cassis, Bandol, il Var. Un itinerario è dedicato alla Corsica , con mare e vino protagonisti. La parte del leone la fa il Languedoc-Roussillon, con ben 5 itinerari. Si comincia con il Gard, poi si va nell’Hérault, l’itinerario più ampio, poi l’Aude, Lozère, i Pirenei orientali. Per ciascuna di queste regioni, belle fotografie e indirizzi sicuri per trascorrere una bella vacanza tra le vigne. Il bordolese non è da meno. Si comincia con Bordeaux chic, poi Bordeaux Bohème,il Centro città, e il Médoc merdionale. Naturalmente non mancano le visite agli Chateaux che aprono ai turisti . Poi il Médoc settentrionale , le Graves e il Sauternais. Anche qui, foto appuntamenti, indirizzi. E non è finita. La Rive Droite, il Blayais e le terre del Castillon, l’Entre-deux-mers. L’itinerario che segue è dedicato alla regione del Cognac: il Poitou-Charente . Poi: piaceri guasconi, intorno a Bergerac , Gers, Lot con il suo Cahors, Madiran, Tarn, Duras, ecc. Decisamente il Sud della Francia è la parte maggiormente valorizzata . Si va quindi in Loira, con itinerari in Touraine, nel Saumurois e nelle terre del Muscadet. Più sacrificate , almeno come spazio, Alsazia e Savoia (quest’ultima una sola paginetta). Si chiude con Champagne e Borgogna. Per la Champagne gli itinerari sono due: Reims e l’Aisne-Marne (alla ricerca del Pinot Meunier). In Borgogna , un itinerario è in Côte d’Or , un altro in Côte Chalonnaise e un terzo dedicato al Beaujolais.Più che una Guida, un insieme di suggestioni, che saranno preziose per chi si troverà da quelle parti.




 Privacy Policy