Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste del vino: il numero di giugno-luglio del giornale di Bettane & Desseauve

En Magnum. Le Vin + Grand, anno II, n. 4, juin-juillet 2016, € 5.90 in Francia

En Magnum cover EM4-1Rosé e vini biologici sono al centro di questo numero. In copertina l’immagine grande di una bottiglia di La Marginale, il cru del Domaine de Roches Neuves. Poi: Che cosa c’è dentro La Romanée-Conti? Bordeaux primeurs del 2015, i migliori ; gelata a Chablis, notte d’inferno.

Si comincia con la vitivinicoltura verde: in percentuale la Provenza (24%) precede lo Jura e l’Alsazia. Fanalino di coda la Champagne, con solo l’1,28% di vigne convertite. A seguire: 10 ragioni per scegliere bio; Bettane: il bio e cosa ne penso io; bio-bistronomia a Parigi; Gérard Bertrand uomo-bio della Languedoc; I vini alsaziani degli Zusslin. Véronique Raisin firma “il bio nel bicchiere”, dedicato ai progressi della vitivinicoltura biologica, poi vengono “la saga dei biodinamici”, con il pioniere Nicolas Joly, i 10 maestri   e i 10 capolavori recenti. Per concludere l’argomento: Domaine La Romanée-Conti; chi la pensa diversamente (Laroche: perché non sono più nel bio”). Più avanti ancora: “Il gesto verde”, immagini della coltura biodinamica della vite, e per la serie “Têtes de cuvées”, l’album delle foto dei grandi vignerons verdi. Prima di passare ai rosé: ancora la Cité du Vin a Bordeaux, Bordeaux e altro ne “La cassa da sei”, con i migliori assaggi; cognac e formaggi, l’accordo inatteso.

Ed eccoci finalmente ai rosé: la domanda è, visto il loro crescente successo, il loro destino è diventare i nuovi Beaujolais? A parlarne è Thierry Desseauve. A seguire la notte delle streghe a Chablis, 27 aprile 2016 e la grande gelata (bellissime le foto notturne, da 10 e lode).Per concludere, siamo alla sezione Master Class: questa volta si parla dei Primeur 2015 a Bordeaux, con le migliori 48 etichette, per qualità e prezzo. Si ritorna ai vini bio con le magnum più affascinanti. Per chiudere: dieci anni in Côte-Rotie, lo spazio semantico dei grandi bianchi secondo Guillaume Puzo, ottimi vini a pochissimo prezzo con il marchio Bettane & Desseauve, le bandes dessinées di Régis Franc, l’animatrice del blog “Rouge aux lèvres”, Margot Ducancel intervista quattro amatori sulla loro opinione sui vini bio.




 Privacy Policy