Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste del vino: il numero di luglio-agosto della Revue du Vin de France

La Revue du Vin de France, n. 603, Juillet-Août 2016, € 6.90 in Francia, € 7.60 in Italia

RVF juillet 2016I tesori nascosti del Beaujolais, Loira, i 50 vini top del Jura, a tavola in Provenza, le pepite di Baux-de-Provence, il vigneto più bio della Francia, sono, nell’ordine, i titoli maggiori della copertina.

Si comincia , come sempre, con l’intervista. Questa volta è ad Amélie Nothomb, scrittrice e amante dello Champagne, poi le notizie del mese: gelo e grandine sulle vigne francesi, il nuovo vocabolario della degustazione secondo Jean-Michel Deiss (più oltre il punto di vista di Romain Iltis, miglior sommelier di Francia), gli 80 anni delle AOC, invecchiamento dei vini in cantine sottomarine, la morte di Aimé Guibert, la bellezza delle coppe di legno Kuba, poi le lettere dei lettori. Il primo servizio di questo numero è dedicato alla Loira e al suo vigneto “solidale”: che cosa lo distingue da quello delle altre grandi regioni vitivinicole. Poi: dieci soste gourmand per assaggiare la Provenza. Dopo l’intervista a Pierre Arditi, attore e grande amatore di vini, Thomas-Braza illustra le vigne più meridionali di Francia, Figari e Sartène in Corsica. A seguire: Benoît Trocard (Clos Dubreuil) e il suo claret, i muscat barocchi di Mas Amiel e del Domaine Cazes a confronto; gli accordi di Olivier Poussier: che cosa bere sul ceviche peruviano? Pierre Casamayor parla dei vini guasconi di Philippe Fezas al Domaine Chiroulet, Jean Pitte tesse l’elogio dei “vini di naso”, Beaume-de-Venise, nella Côtes du Rhone è il terroir-bersaglio dell’expertise di questo mese. Ancora: lo spirito del rosé secondo Eric de Saint-Victor (Pibarnon) nella pagina di Sébastien Lapaque, 10 tequila messicane di classe, bottiglie rare: la ricerca delle grandi annate. Eccoci infine alla sezione dedicata alle grandi degustazioni della RVF. Si comincia con la “rivoluzione Gamay” e i migliori vini del Beaujolais (i grandi classici, le cuvées da lungo invecchiamento, i vini naturali, i pronti da bere). Poi è la volta dei rossi del Jura: la freschezza del Poulsard, il rinnovamento del Trousseau, sua maestà il Pinot nero. E ancora: il lavoro con il cavallo in vigna, i coup de coeur dei degustatori della RVF, i vini bio di Baume-de Provence. Per finire: Mondeuse savoiarda e Trévallon 2013.




 Privacy Policy