Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste del vino: Bourgogne Aujourd'hui, Juillet-Août 2016

Bourgogne Aujourd’hui, n. 130,   Juillet- Août 2016, € 6.00

 

Bourgogne juill-aout 2016Il grande titolo di copertina è “Speciale millesimo 2015, un’annata che fa del bene”. Eh sì, perché dopo tre annate scarse (anche se non di qualità) quella del 2015 è stata quella nella quale si sono recuperati volumi più adeguati alle richieste e, naturalmente, alle speranze dei vignerons, estenuati dalle falcidie delle grandinate. 1.500 i vini selezionati tra tutte le regioni della Borgogna viticole, con l’esclusione del solo Beaujolais. E di fatti oltre il 90% di questo numero è dedicato alla rassegna degli assaggi dei vini del 2015.

Si comincia con l’editoriale di Christophe Tupinier, che , oltre a introdurre l’argomento principale del fascicolo, si sofferma anche sull’ intervista a Jérôme Chevalier e Marine Pasquier, rispettivamente presidente dell’Union des Producteurs dei vini di Mâcon e presidente del collettivo Mâconnais , pesticides et santé, vale a dire il nuovo dialogo tra i rappresentanti delle associazioni professionali e di quelle che perseguono la protezione dell’ambiente. La disamina dell’annata 2015 è preceduta da una nota preoccupata sulle prospettive della vendemmia 2016, dopo la gelata del 27 aprile scorso e le grandinate di maggio e giugno. Poi vengono le notizie in breve di luglio e agosto e i nuovi moduli didattici del Bureau Interprofessionnel des Vins de Bourgogne. Eccoci quindi alla doppia intervista a Chevalier e Pasquier e alla nascita (forse) di un dialogo franco e costruttivo.

Dunque : Millésime 2015. Sublime con qualche bemolle, come dice il titolo. Si comincia con la Yonne: Chablis , Irancy e Saint-Bris. Sorprendentemente, le migliori espressioni sono questa volta per i rossi di Irancy, e la bottiglia migliore è un village di Jean-Hugues et Guillem Goisot, Mazelots. Molto bene gli Chablis di Billaud-Simon, Defaix e Droin. Si scende poi verso il nord della Côte-de-Nuits, Marsannay , Fixin e Cote de Nuits-Villages: un grande millesimo per i rossi, secondo Bourgogne Aujourd’hui. Al vertice (e non è una sorpresa) Sylvain Pataille, molto bene Jean Fournier. A Gevrey-Chambertin , vini di alto livello: naturalmente i soliti, con belle sorprese di Harmand-Geoffroy , Lucien Boillot e Marc Roy. Meno omogenei appaiono i risultati della vendemmia a Chambolle, Morey e Vougeot, con vini di grande potenza e concentrazione. Spicca il Domaine Arlaud con il suo Clos de la Roche, bene Castagnier, Alain Jeanniard e Anne et Hervé Sigaut. E’ la volta di Nuits e Vosne-Romanée.Vini eterogenei, con belle riuscite ed altre più anonime. Spiccano Mugneret-Gibourg, con il loro Vosne-Romanée village, e il Domaine de l’Arlot . Si va in Côte-de-Beaune: bene i bianchi, ma anche qui è un’annata di rossi. Naturalmente Corton e Corton-Charlemagne:grande il Clos des Cortons di Faiveley, belle espressioni a Ladoix e Pernand-Vergelesses di Martray-Dubreuil e Pierre Marey, con la “scoperta”dello Chateau Corton C. (già Château Corton- André) di Caroline Frey,bordolese al suo debutto in Borgogna. A Beaune, Savigny e Chorey, come si suol dire, “Poco ma buono”. Migliore bottiglia: il Savigny Aux Gravains di Pavelot. Molto bene il Clos des Mouches di Brigitte Berthelemot , i Beaune premier cru di Jadot e i rossi di Isabelle Doudet. Buone espressioni i rossi di Volnay e Pommard dopo le ferite delle grandinate degli anni scorsi. Spicca il Domaine de la Pousse d’Or, si fanno apprezzare i Volnay di Réyane e Pascal Bouley e di Bernard e Thierry Glantenay e i Pommard diel Domaine Moissenet-Bonnard. Bella solidità a Auxey, Monthélie e Saint-Romain, dove emerge l’Auxey-Duresses Les Grands Champs di Cristophe Diconne. Buoni i Monthélie di Laurent Boussey e i bianchi dii Fabien Coche. Meursault: bicchiere mezzo pieno, con belle bottiglie di Cachat-Ocquidant, Philippe Bouzereau ed Emile Jobard-Morey. Annata complessa a Puligny, Chassagne e Saint-Aubin, le altre città del quadrilatero dei bianchi della Côte. Molto bene Jean-Claude Bachelet con il suo Saint-Aubin Le Charmois, Marc Colin (Montrachet!) e Morey-Coffinet. La scoperta sono i vini di Sylvain Morey. Riuscite “sconcertanti” per i rossi del sud, Maranges e Santenay. Bene comunque il Clos Rousseau Les Fourneaux (Santenay premier cru) del Domaine Bachey-Legros. Nella Côte-Chalonnaise : molto bene (ma migliorabili) i rossi di Givry e Mercurey, bei bianchi a Bouzeron, Rully e Montagny. Spicca il Mercurey Les Veleys del Domaine Meix-Foulot, bene anche i vini del Domaine Gouffier, di Michel Sarrazins e Tupinier-Bautista. Nel Mâconnais continua l’ascesa con i bianchi di Pouilly-Fuissé a tirare il treno (grande risultato per il Pouilly-Fuissé Aux Bouthières di Pascal Renaud). Molto bene anche i Pouilly-Fuissé di Eve e Michel Rey e Gilles Morat, con la scoperta del Pouilly-Loché Au Bûcher di Yves Giroux. Al termine della maratona 2015, c’è un po’ di spazio per la gastronomia con i pomodori di Nunzio e Caroline Iacono all’Agastache di Volnay e per i libri.




 Privacy Policy