Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste del Vino: La Revue du Vin de France, hors-série no.31, novembre 2016

La Revue du Vin de France, Hors-série no. 31, Novembre 2016, € 8.50 in Francia, € 9.00 in Italia

RVH  h.-s. 31 nov. 2016“Speciale Borgogna” è il titolo grande di questo numero fuori serie (il secondo dell’anno) della RVF. Altri titoli sono: 380 coup de coeur dei nostri degustatori nel 2016, Verticali mitiche (Corton-Charlemagne di Rapet e Clos de Vougeot di Méo-Camuzet), lo shopping: idee regalo per la cantina e per servire il vino. Si comincia con gli accessori per il vino (naturalmente bicchieri, cavatappi, caraffe e ogni altra cosa possa essere utile per il servizio del vino) e con le soluzioni per conservare meglio i propri vins de garde.Poi si attacca subito con la Borgogna: prima i libri per conoscerla meglio, poi una serie di servizi per “decifrare” questa affascinante regione.

Dunque: un’inchiesta sulle nuove sfide del vino borgognone, poi Côte Chalonnaise e Mâconnais e le ragioni del loro crescente successo, con le 12 cuvées più interessanti, selezionate da Christian Martray. Tocca poi alle appellations poco conosciute, nell’ambito delle quali è possibile trovare ottimi vini senza svenarsi: da Marsannay a Saint-Romain alle appellations régionales . L’articolo che segue (di Jerôme Baudouin) ci introduce ai climat della Borgogna e alle loro origini: Olivier Poels confronta 15 cuvées di differenti climat (dallo Chablis grand cru Les Preuses allo Chassagne-Montrachet premier cru Les Chevenottes) del Domaine Chanson, uno dei più antichi della Borgogna. Dove andare? Ecco 10 tappe (da Chablis a Puligny-Montrachet) dove sostare e mangiare. Al Clos de Vougeot grand cru del Domaine Méo-Camuzet è dedicata la prima delle due verticali “mitiche”: si comincia con l’annata 1969. Poi è la volta del Corton-Charlemagne grand cru del Domaine Rapet Père et Fils. Qui si parte addirittura dal 1947. Prima della grande intervista ad Albéric Bichot, ora alla direzione della storica Maison de négoce (ma proprietaria comunque di 105 ettari di vigne in tutti i principali terroir borgognoni), sono 40 pagine dedicate ai coup de coeur (va da sé della Borgogna, ma anche di tutte le altre regioni della Francia) dei redattori della RVF: in ordine alfabetico, dall’Alsazia al Sud-Ouest. Infine il Quiz, dedicato alla Borgogna. Per rispondere occorre aver attentamente letto tutti gli articoli della rivista: chi altrimenti potrebbe sapere quale, tra le annate 1955, 1995 e 2002, del Corton-Charlemagne del Domaine Rapet ha avuto il voto più alto di Guillaume Baroin?




 Privacy Policy