Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste del Vino: La Revue du Vin de France, no.607, Décembre 2016-Janvier 2017

La Revue du Vin de France, no. 607, Décembre 2016-Janvier 2017, € 6.90 in Francia, € 7.60 in Italia

RVF 607Speciale Feste: i nostri 150 migliori Champagnes è il titolo grande della copertina di questo numero, ma non minor rilievo hanno anche : Saint-Émilion, il classement dei primi 18 grand crus classés della RVF; Borgogna: tredici giovani vignerons da seguire da vicino; la rinascita delle birre trappiste; Le famiglie nobili che fanno vino da secoli; Acqueviti: dieci gioielli da scoprire; l’intervista a Marc Sibard, l’iconoclasta delle Caves Augé. E’ proprio quest’ultimo, l’incontro con l’”orco” , il sommelier col fisico da rugbysta, da 30 anni a capo della chicchissima enoteca di Boulevard Haussmann e capofila dell’enologia biologica in Francia, ad aprire questo numero, dopo l’édito di Saverot, che discute l’inquietante interrogativo: La nuova generazione amerà il vino?

A seguire la attualità: il salone dei vini di Angers è a rischio? L’alsaziano Philippe Schlick nell’Olimpo dei cavistes, la guerra di Bernard Bled, ex- segretario del Comune di Parigi per salvare le vigne della Défense, di fronte all’Arc de Triomphe; Pénélope Godefroy eroina della conversione in bio a Pomerol; il bianco di Cheval blanc : Le Petit Cheval blanc… E poi, la Winerie Parisienne a Montreuil che reinventa il vino di Parigi nel quartiere Bobos della capitale, Uno per tutti e uno per tutti a Montrachet dopo la gelata, Sylvie Augereau e Antoine Gerbelle vantano i meriti dei vini senza pesticidi in “Soif d’Aujourd’hui”. Di seguito, per Arte e aste, Henri Fantin-Latour e le sue nature morte al gusto d’uva, Fuori contesto l’intervista al Presidente del Rugby Club Toulonnais : per lui il vino è una ricompensa. Il primo servizio, dal titolo “Gentiluomini e vignerons” , parla dei vini degli eredi della nobiltà, da Chateau D’Arlay (Jura), dove la stessa famiglia produce vino da 1.000 anni , allo Château La Gaffelière a Saint-Emilion. Nel Dossier di questo mese tocca ai giovani vignerons della Yonne, da seguire da vicino, con le selezioni dei vini più interessanti. Il Banc d’Essai di Pascal Patron cerca di rispondere alla domanda se gli aeratori migliorino effettivamente la percezione del vino: il più efficace è l’aeratore Vinturi. Costa 90 euro, ma è prezioso (secondo l’autore) per i vini bianchi e soprattutto rossi. Gli accordi: Saint-Jacques e Vieille Vigne du Levant di Larmandier-Bernier, i bianchi borgognoni per la sauce gribiche. Enoturismo: si va nel Palatinato, nel Sud della Germania, con Riesling s e Pinot noirs principeschi. Philippe Guigal consiglia di non aprire due ore prima il suo La Landonne. Roberto Petronio confronta lo stile dei Domaines Marc Colin e Jean-Claude Bachelet et fils: grandi Chassagne e grandi Bâtard-Montrachet in tre diversi millesimi (2009, 2013 e 2014). La quintessenza dei terroirs del Jura nei vini di Stéphane e Bénédicte Tissot (La Tour de Curon e La Mailloche in verticale, con bottiglie dal 2004 al 2013). Sophie de Salettes ci porta in Alsazia per approfondire due grandi crus alsaziani: Schlossberg (Riesling) e Furstentum (Gewurztraminer). Ancora: la rinascita delle birre dei trappisti, lo choc del quartetto di trentenni cinesi che hanno sconfitto tutte le altre équipe (Francia compresa) nella grande degustazione alla cieca organizzata dalla RVF (l’Italia? 18a dopo Portogallo e Argentina, prima della Bielorussia, praticamente quartultima). A seguire, le grandi acqueviti da non perdere (c’è anche un Gin quebecchese), i coup de coeur dei redattori della RVF, le aste. Finalmente la sezione delle grandi degustazioni: prima gli Champagnes (al vertice Bollinger extra-brut R:D: del 2002, Salon 2004, Substance di Sélosse extra-brut s.a.); poi il classement della RVF dei grand cru di Saint-Emilion: sorpresa (per alcuni) Figeac segue subito dopo Ausone e Cheval Blanc, Angélus e Pavie, da poco promossi tra i Premiers Crus A sono solo 7° e 11°. Si chiude con le vinificazioni integrali in barrique e con il “dibattito” su una bottiglia di Château Rayas bianco del 2001.




 Privacy Policy