Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste del Vino: Decanter, January 2017

Decanter, vol 42, n. 4,January 2017, £ 4.50

Decanter-January-2017-issue75 vini stellari (ossia i vini più eccitanti assaggiati quest’anno), testati e valutati : Cabernet di Margaret River, Champagne rosé, Ribera del Duero. E poi: Château Batailley, I vini per celebrare le ricorrenze nel 2017, la vostra guida all’Hermitage, i segreti del vino svizzero, Cabernet di Stellenbosch, ristoranti scandinavi. Questi i titoli di copertina del primo numero dell’anno.

Molta carne a cuocere, come si vede. Si comincia con una spettacolare foto a due pagine delle vigne innevate di Lavaux, sul Lago di Ginevra. Di seguito, l’editoriale di Stimpfig,le notizie del mese (Francia: quantità, la peggiore vendemmia degli ultimi 30 anni, frodi a Bordeaux, i prezzi dei vini in Inghilterra dopo la Brexit, sistemi più rigorosi di identificazione dei terroir vitivinicoli nel Cile...), le lettere dei lettori, le pagine di Jefford (profondità o purezza?), Anson (cambiamenti a Cheval des Andes), Oz Clarke (vini californiani). Eccoci ai vini più eccitanti del 2016: al vertice un rosso del Bierzo, cinque francesi tra i primi dieci , primo italiano un bianco dell’Etna (17°), poi solo un piemontese (Barolo) al 23° , un umbro (Rosso di Montefalco) al 24°, altri due nei primi 50. Uno solo nella categoria spumanti e vini dolci (un Passito di Pantelleria). Per il resto dominio di vini francesi (dieci vini tra i primi venti), bene i vini sudamericani (tre tra i primi dieci ), la Spagna si aggiudica la prima posizione sia tra i bianchi e rossi secchi, sia tra quelli frizzanti, dolci e fortificati. Nel servizio seguente , il profilo regionale del mese, tocca all’Hermitage, nel Rodano settentrionale, con Jaboulet, Chapoutier e Jean Louis Chave in evidenza. Molto anglosassone la guida di Anthony Rose alle bottiglie da stappare negli anniversari del 2017 (per il ventesimo compleanno, il trentesimo, e così via): ovviamente bottiglie coetanee del(la) festeggiato(a). Château Batailley, 4th growth di Pauillac, é al centro del rapporto di Panos Kakaviatos . Ancora: i Cabernet di Stellenbosch (Sud Africa) e la Guida di Sue Style ai vini delle sei regioni vinicole della Svizzera (al vertice della sua selezione, tra i bianchi, una Petite Arvine del Valais, e, tra i rossi, un Pinot noir di Graubünden). Tom Cannavan affronta il problema della scarsa qualità dei vini che si trovano non di rado anche in ristoranti che offrono una buona cucina, prima della Decanter Buying Guide, che contiene i tre Panel Tastings del mese (Cabernet di Margaret River, Ribera del Duero e Champagne rosé). I migliori secondo Decanter? Rispettivamente : il Wilyabrup Clairault 2012 (95 punti), la Gran Reserva Arzuaga 2004 (94 punti), il Rosé Réserve Brut s.a. di Charles Hedsieck (95 punti). E poi, naturalmente, il mondo di Spurrier (una delle sue finestre riguarda i vini toscani di alta qualità) e 34 vini per le Feste. Di seguito vengono i ristoranti: due segnalazioni a Londra e Parigi, e poi la guida a quelli della Scandinavia.Quindi le Notes & Queries, il consueto sguardo al mercato, alle aste e ai prezzi dei vini da collezione, per finire con la leggenda del vino scelta per questo mese: Château Montrose, St. Estèphe, 1990.




 Privacy Policy