Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le Riviste del Vino: La Revue du Vin de France, hors-série no. 32, Juin 2017

La Revue du Vin de France, Hors-série n. 32, Juin 2017, € 8.50 in Francia, € 9.00 in Italia

RVF Hs juin 2017Il numero “fuori serie” di giugno della RVF è dedicato all’enoturismo, tema sul quale sono naturalmente concentrati i titoli di copertina (“200 buoni indirizzi tra le vigne”). Questa volta però c’è un’attenzione particolare ai corsi di degustazione, che si svolgono un po’ in tutta la Francia e che l’enoturista potrebbe seguire durante la sua vacanza. Poi: l’intervista a Cédric Klapisch, al centro dell’attenzione dei wine lovers per il suo ultimo film (“Ce qui nous lie”), interamente ambientato in Borgogna, e il grande gioco a premi della RVF (un quiz per cercare di vincere una cassa di vini).

Si comincia con gli accessori per la degustazione: i bicchieri innanzitutto, poi cavatappi speciali, termometri da vino ecc.,infine i libri su cui aggiornarsi. Dopo il quiz, Axel Marchal e Pierre Casamayor richiamano i principi base e il lessico della degustazione . Questa breve sezione didattica si chiude con una lista di vini emblematici, ritenuti particolarmente adatti all’apprendimento enologico (il cabernet di Margaux e il sémillon di Sauternes…).Cominciano quindi gli itinerari, partendo dalla capitale, Parigi, con ben nove scuole di degustazione. Poi si prosegue con Alsazia, Borgogna (Beaune e Côte Chalonnaise), Jura, Rhône (tra Taine e Valence), Gard (Nîmes), regioni mediterranee (Provenza e Languedoc), e ancora Pirenei-Jurançon, Médoc e Graves, Loire (Touraine), Champagne. In ciascun itinerario: le diverse appellations e le caratteristiche dei vini prodotti, i corsi, i vignerons e i Domaines da visitare, i luoghi e gli alberghi dove sostare, i ristoranti, i cavistes, indicazioni pratiche (siti, agenzie e uffici per il turismo). Non resta che l’ampia intervista a Klapisch: si parla del suo film, ma anche dei vini di Francia e della Borgogna. Le bottiglie più prestigiose da lui assaggiate: un Romanée-St. Vivant de la DRC, Cheval Blanc e un Yquem del 1998. Si chiude con un quizzone di verifica (questa volta niente premi, le risposte corrette sono in fondo alla pagina).




 Privacy Policy