Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Libri-3: Guida ai vini austriaci

Falstaff Wein Guide: Osterreich/SüdTirol 2010, a cura di Peter Moser.Falstaff Publications, Wien, 832 pp., € 16.90

L’Austria del vino è ancora poco nota nel nostro paese, anche se già oggi è possibile trovare nelle migliori enoteche alcuni esempi molto validi di Riesling e Grüner Veltliner di alcune delle regioni più vocate (Wachau, Kamptal). Consigliamo perciò questo libro a tutti quei wine lovers che desiderano avere dei riferimenti più precisi sull’enologia austriaca per poter scegliere qualche bottiglia di pregio in occasione dei loro viaggi in questo paese. Purtroppo non é ancora disponibile una edizione italiana , per cui bisogna adattarsi a recuperare le proprie conoscenze di tedesco. Si tratta comunque di un’opera valida, che descrive dettagliatamente più di 3.000 vini di poco meno di 500 aziende, delle diverse regioni vitivinicole austriache  (a cui viene un po’ discutibilmente aggregato anche   l’Alto Adige). Si comincia con la zona di Vienna per poi passare ad esaminare la cosiddetta Niederösterreich , che comprende le zone più note per i vini bianchi (come la Wachau, Kamptal e Kremstal, dove dominano il Riesling e il Veltliner), lo Steiermark (dove fanno la loro apparizione il Sauvignon , il Traminer aromatico, il Pinot gris e lo Chardonnay) e il Burgenland (dove si producono gli assai meno noti rossi austriaci) e quindi l’Alto Adige. Ogni sezione è organizzata in capitoli, ciascuno dedicato ad una delle diverse regioni che vi sono comprese. Le aziende vi si succedono in ordine alfabetico, ciascuna valutata con un numero di stelle fino ad un massimo di 5, che ne indica il prestigio. Ogni scheda, oltre ad una breve descrizione generale e a una delle etichette , riprodotta a colori, riporta i vari vini prodotti con alcuni dati e note di degustazione e una valutazione in centesimi. La vendemmia di riferimento è la 2009 , ma vi vengono riportati i vini più maturi del’annata precedente, e, per i vini rossi, la vendemmia del 2007. Una più puntuale valutazione generale di queste ultime tre vendemmie è riportata nella parte introduttiva del volume, che, come è ormai abitudine delle Guide dei vini, comprende anche l’elenco dei vini e delle aziende che hanno riportato i migliori punteggi..Il libro si chiude con una ampia sezione dedicata ai distillati, e ampie indicazioni sulle migliori enoteche e sui ristoranti da vino (Pubblicato il 9.1.2011)




 Privacy Policy