Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Chassagne-Montrachet Village Fontaine-Gagnard 2006

Chassagne, con Puligny e Meursault , è uno dei tre comuni posti a sud di Beaune, nei quali si concentrano i migliori vini bianchi dell’intera Borgogna , a parte, ovviamente, quelli del più settentrionale Corton Charlemagne. A differenza però della vicina Puligny, con la quale condivide alcuni dei grand crus della Cote de Beaune (innanzitutto il sublime Montrachet,ma anche Bâtard-Montrachet, mentre produce in esclusiva il Criots. Bâtard- Montrachet), a Chassagne si producono anche vini rossi: dei Pinot noir ben costituiti, anche se generalmente inferiori ai grandi della Côte de Nuits, simili più ai Pommard che ai Volnay, talvolta un po’ rustici, ed anzi, un tempo i rossi predominavano a Chassagne. In tempi più recenti, però, lo Chardonnay ha preso corpo ed è diventato prevalente. In effetti i premier cru bianchi di Chassagne ( ce ne sono 19), anche se raramente arrivano alla finezza e al nitore dei migliori premiers di Puligny-Montrachet , sono vini pieni e spesso assai eleganti.

Il sottosuolo di Chassagne è fondamentalmente roccioso, calcareo oolitico, caratterizzato dagli stessi strati batoniani della Côte de Nuits, ma può avere composizioni molto differenti a seconda della zona considerata. I bianchi di Chassagne sono abbastanza potenti, grassi e sapidi, caratterizzati da aromi mandorlati, più verdi o tostati a seconda del climat e dell’età del vino, con note di mela gialla matura e fiori bianchi.

Dei quasi 190 ettari vitati a bacca bianca, più della metà (117) sono classificati come premier cru ; i rimanenti 70 ettari producono dei buoni, talvolta ottimi village, come questo di cui parliamo oggi, lo Chassagne-Montrachet village di Fontaine-Gagnard dell’annata 2006.

Richard Fontaine, il proprietario, è cognato di Jean-Marc Blain, del Domaine Blain-Gagnard, le cui proprietà sono confinanti. Con circa 10 ettari di vigna, di proprietà e in affitto, Fontaine-Ganard produce una decina di premiers crus di Chassagne bianchi, dei buoni rossi village di questa appellazione, insieme a un Pommard Les Rugiens e a un Volnay Clos de Chênes, ma soprattutto dei grandissimi grands crus (mi si scusi il bisticcio) di Montrachet, Bâtard-Montrachet, e Criots-Bâtard-Montrachet.

Chassagne_FontaineQuesto Chassagne village è un bel vino bianco, dal colore giallo dorato, con un naso molto elegante di mele mature, fiori ed erbe di campo e mandorla appena tostata, con note agrumate (di arancia rossa),di grande equilibrio. Fresco e minerale, ha una piacevole sapidità, buona profondità e lunghezza (90/100). Già maturo, consigliamo di berlo entro i prossimi 2 anni. (Pubblicato il 23.7.2011)

Invia un commento a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 




 Privacy Policy