Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

Le tre sorelle (ma non quelle di Čechov) e i gioielli della famiglia Mugneret

Porta MugneretPrendo lo spunto da una bella bottiglia di Vosne-Romanée 2013 del Domaine Mugneret-Gibourg (ahimé appena finita), per parlare di questo golosissimo village, ma anche degli altri vini della proprietà, riassaggiati in occasione della nostra ultima visita, effettuata alla fine dello scorso maggio. Vosne-Romanée è un piccolo villaggio della Côte de Nuits, ora con meno di 400 abitanti (50 anni fa erano quasi 300 in più) , compreso tra Nuits-Saint-Georges e Flagey-Echezeaux, la cui vita ruota in pratica tutta attorno al vino.

Leggi tutto: Le tre sorelle (ma non quelle di Čechov) e i gioielli della famiglia Mugneret

Un angolo di Medioevo: il Clos de la Perrière a Fixin

Manoir 1Confesso che non conoscevo questo piccolo Domaine ricco di storia. Si tratta del Domaine Joliet a Fixin, comune di circa 750 abitanti a nord di Gevrey-Chambertin: la penultima AOC della Côte-d’Or prima di arrivare a Dijon (l’ultima è quella di Marsannay-la-Côte). Pur non conoscendolo affatto, non ho avuto però alcuna difficoltà a riconoscerlo al primo sguardo, appena entrati a Fixin. Si tratta infatti del Domaine del Manoir, come lo chiamano tutti, che campeggia dall’alto sul borgo.

Nella foto: un particolare del maestoso Manoir.

Leggi tutto: Un angolo di Medioevo: il Clos de la Perrière a Fixin

Givry, il Volnay della Côte Chalonnaise

CrausotEccoci a Givry, una delle cinque appellations communales della Côte Chalonnaise, con quelle di Bouzeron, Rully, Mercurey e Montagny, famosa perché vi si produce il rosso (ma sarà poi vero?) che piaceva a Enrico IV, il re di Francia. Fatto sta che Enrico IV è ben presente su molte etichette di vini di Givry, terra molto adatta alla produzione di vini rossi: non è certo un caso che, dei circa 280 ettari di vigna di questa AOC, quasi 240 sono di Pinot noir e poco più di 40 di Chardonnay.

(Nella foto accanto, il Givry Crausot Premier cru blanc 2014)

Leggi tutto: Givry, il Volnay della Côte Chalonnaise

A Mercurey, i rossi che piacevano a Colette

Cave ChartonArriviamo alla casa di Vincent Charton giusto un attimo prima che arrivi lui, di ritorno dalla vigna. E’ ora di pranzo e ci accordiamo per ritrovarci lì alle due. Ci accompagnerà lui stesso in cantina per assaggiare i vini del 2014 e del 2015, ancora in botte. Dietro suo suggerimento ci concediamo una sosta in un semplice, ma piacevole ristorante di campagna, Le Petit Blanc, poco distante, a Charracey (Nella foto a sin.,uno scorcio della piccola cantina del Domaine Charton).

Leggi tutto: A Mercurey, i rossi che piacevano a Colette

Ottimi bianchi a Rully: il Domaine Dureuil-Janthial

dureuil 31Per molte (troppe) persone ancora, la Borgogna coincide con la Côte d’Or: si va (con qualche eccezione) per i rossi in Côte de Nuits e per i bianchi in Côte de Beaune. La Côte Chalonnaise, il Maconnais , per non parlare del Beaujolais non sono presi in considerazione: il Beaujolais, si sa (?), è una terra di novelli, il Mâconnais di bianchi da supermercato e la Côte Chalonnaise chi la conosce? Niente di più sbagliato e chi volesse prendersi la briga di fermarsi almeno una giornata (meglio due) in occasione di un viaggio in Borgogna, scoprirebbe numerosi piccoli gioielli , per di più assai meno costosi dei più blasonati cru del Nord. (Nella foto accanto, il Rully Premier Cru Margoté del Domaine Dureuil-Janthial).

Leggi tutto: Ottimi bianchi a Rully: il Domaine Dureuil-Janthial




 Privacy Policy