Questo sito utilizza i cookie per finalità di navigazione, autenticazione e altre funzioni. Navigando su questo sito, cliccando su 'Accetto' acconsenti all'installazione dei cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy

Visualizza i documenti della direttiva europea

Hai rifiutato i cookie. La decisione è reversibile

Hai acconsentito all'installazione dei cookie sul tuo computer. La decisione è reversibile.

drink different

La grande vendita dei vini degli Hospices di Beaune

EHotel_Dieu’dal 1924 che la terza domenica di novembre è il giorno prescelto per la più celebre Asta di beneficenza di vini del mondo, quella degli Hospices di Beaune, in Borgogna, giunta, quest’anno, alla sua 151a edizione.

Worldwineweb ha già parlato di questa grande asta, nel corso della quale vengono banditi i vini di ben 45 preziose cuvées , per un totale di oltre 750 pièces (botti) borgognone (ciascuna corrispondente a 228 litri ), tratte dall’immenso patrimonio di vigne , a premier o a grand cru, accumulato da questa straordinaria istituzione in seguito alle generose donazioni effettuate dai suoi benefattori nel corso dei secoli. Fondato nel 1443 da Nicola Rolin, cancelliere del Duca di Borgogna Philippe Le Bon e dal sua moglie Guigone de Salins (a cui Worldwineweb ha dedicato una delle sue “interviste impossibili davanti a un bicchiere di vino” lo scorso autunno), l’Hotel-Dieu di Beaune ebbe lo scopo di aiutare i malati poveri, di cui era disseminata la Francia  al termine della sanguinosa Guerra dei Cento anni, che aveva devastato mezza Europa, lasciando dietro di sé un lungo strascico di miseria, malattie e violenze perpetrate dalle soldataglie mercenarie. Immediatamente dopo la sua costruzione, l’ospedale, già partito potendo contare su una dote assai generosa dello stesso cancelliere e sua moglie, cominciò a ricevere donazioni di terre, immobili, opere d’arte e naturalmente vigne. La prima già nel 1459 da parte di Jean Pamplays e sua moglie, a cui presto seguirono moltissime altre , fino ad arrivare a ben 60 ettari,  un vero patrimonio, in Borgogna. Il denaro raccolto attraverso la vendita del vino prodotto dalle vigne ricevute in dono venne destinato a finanziare le opere di carità degli Hospices. E che carità! L’Hotel-Dieu è un vero gioiello dell’architettura borgognona del ‘400, e ai poveri veniva offerta una assistenza assai generosa, nella quale, per volere del cancelliere e di sua moglie, che dedicò, anche dopo la morte del marito, tutta la sua vita a questa istituzione, la bellezza degli ambienti, dei decori, delle opere d’arte custodite nell’ospedale erano un ingrediente fondamentale. Fu però solo a partire dal 1859, che il vino degli Hospices cominciò a essere venduto all’asta. L’asta di Beaune divenne così l’evento centrale delle cosiddette Trois glorieuses di Beaune,preceduta dallo Chapitre dello Chateau de Vougeot e seguito dalla Paulée di Meursault. La tappa successiva è indubbiamente rappresentata dal 2005, allorquando, per dare maggiore risonanza, anche internazionale all’evento, la vendita all’asta (si era nel frattempo giunti alla 145a edizione) fu affidata a Christie’s, la nota società d’asta londinese. Una importante novità introdotta da Christie’s fu la possibilità offerta ai cosiddetti particuliers, ossia i privati appassionati, di partecipare all’asta per aggiudicarsi anche una singola pièce. Fino ad allora, infatti, l’asta era appannaggio dei grandi négociants, che acquistavano il vino per farne direttamente l’élévage e metterlo in vendita. Inoltre, dal 2007,  a tutti i compratori fu reso possibile assistere e partecipare in diretta all’asta a distanza mediante internet (Christie’s Live TM). Nel frattempo le donazioni continuavano: e nascevano nuove cuvées: nel 2007 fu la volta del Corton Clos du Roy Grand Cru Cuvée Baronne du Baÿ, che ebbe subito un grande succeso e l’anno successivo del Pommard –Epenots 1 er cru Cuvée Dom Goblet; che ebbe un’accoglienza non minore; nel 2009 si aggiunse il Saint Romain blanc Cuvée Joseph Menault e, lo scorso anno, è arrivato un Santenay, la Cuvée Christine  Friedberg.

Hotel_Dieu_2Ogni anno la Vendita   ha un suo Presidente, che quest’anno sarà Ines Marie Laetitia Eglantine Isabelle de Seignard de La Fressange,   un nome assai celebre nel mondo della moda francese, che patrocinerà l’Association Mécenat Chirurgie Cardiaque Enfants du Monde. Parte dei fondi sarà devoluta anche all’Association France Alzheimer.Per promuovere internazionalmente l’Asta, anche quest’anno Christie’s ha organizzato una serie di degustazioni dei vini degli Hospices delle passate vendemmie in varie città del mondo: oltre a Londra, Paris e Beaune, naturalmente, a New York, Boston, Tokyo, Kyoto, Hong Kong. Shanghai, Pekin, ed altre ancora. Nel giorno precedente (il sabato) e nella mattina di domenica, invece, gli appassionati potranno degustare en primeur i vini della vendemmia 2011.

 

(Pubblicato il 12.10.2011- continua nei prossimi giorni) Nelle foto: due immagini dell'Hotel- Dieu

 

 




 Privacy Policy